Approfondimenti

Ogni articolo scritto riporta delle parole sottolineate che rimandano a descrizioni specifiche di termini o argomenti.
Questo perché, ogni qual volta viene menzionato un argomento, è bene indicare una fonte dove attingere informazioni per approfondirlo e conoscerlo meglio.
Cliccando sulle parole, dunque, potrete approfondire ogni argomento ed apprendere, così come amo fare anch' io, nozioni e parole che forse non conoscevate, ampliando così il vostro bagaglio culturale da sfoggiare in ogni qual si voglian occasioni.

Vai alla home dei blog

giovedì 24 luglio 2014

Corazza di ghiaccio

Glower

Prima di addentrarci nel racconto e, nell' ordine, nell' ambientazione più specifica, vorrei presentare il protagonista del romanzo: Glower.

Ovviamente non voglio dare troppi particolari, non solo per non bruciare la storia e la creazione graduale del personaggio che avviene pagina dopo pagina, ma anche perché è difficile descriverlo alla perfezione.

Glower è un ragazzo di ventidue anni, alto, con un corporatura robusta e misterioso. La sua apparizione è d' effetto, e mostra come sia abile non solo come spadaccino, ma anche come combattente nella lotta corpo a corpo.
E' il classico giovane chiuso, introverso, diffidente, che non vuole mostrare le sue debolezze, le sue emozioni, i suoi pensieri, soprattutto quelli riguardanti il suo passato. Un ragazzo che è però sicuro di ciò che vuol fare, sa che combatterà per il suo scopo, anche se gli altri, ed anche lo stesso lettore, penseranno sia solo utopia.
Non è invincibile, ma neanche un debole. Se "supereroe" è definito colui che lotta per i suoi ideali, senza mai arrendersi, avendo tutti contro, fidandosi solo delle proprie abilità, ma senza avere poteri paranormali, beh, allora Glower è un supereroe.

La sua unica amica è la sua spada color zaffiro. Non è un' arma qualunque, ma una lama pesante, resistente e particolare, che lui proteggerà e che lei stessa lo proteggerà nella sua avventura.
In quest' epoca vince chi sa usare meglio quest' arma, chi è preciso con il suo arco o la balestra, chi sa progettare meglio le tattiche di guerra e sa come accerchiare il nemico senza lasciargli via di fuga. Vince chi non si arrende, chi rischia tutto, chi si fida anche di ciò che non conosce, chi è diffidente al punto giusto e chi riesce a mescolare elementi diversi creando un solo gruppo forte ed unito.
Chi perde, a volte ha osato troppo, nel bene o nel male, si è fidato delle persone sbagliate, ha sbagliato tattica, o più semplicemente non ha la fortuna dalla parte sua.

Il Cavaliere è "di ghiaccio" perché mostra freddezza, durezza, a volte è tagliente, altre volte è un muro che non lascia passare nulla ma, come ogni pezzo di ghiaccio esistente nel mondo, prima o poi si scioglierà, e sarà in quel momento che capirà cosa veramente è nascosto sotto la sua corazza. Qualcosa che neanche lui è a conoscenza. Emozioni e sensazioni nuove, strane, meravigliose che combatteranno contro quelle negative, dure, pesanti, portando il protagonista a cambiare strada e a domandarsi sempre se sia quella giusta

3 commenti:

  1. Spiegato così ha l'aria di essere interessante...
    il libro però non mi è ancora arrivato... mannaggia!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, si fa attendere sempre! E' perché giunge acavallo.... quindi ci mette almeno una decina di giorni.

      Elimina

Lascia un tuo parere